lunedì 18 febbraio 2013

Käse timbalen e Mangiare all'estero

Ieri sera pensavo alla cucina straniera. Cioè, quando si va all'estero in vacanza, le persone si dividono in quelle che vogliono assaggiare qualcosa di nuovo e quelle che vanno alla ricerca di un ristorante italiano. Inutile dire che io faccio parte del primo gruppo, per me non ha senso andare a mangiare italiano fuori dell'Italia. Ci andrei giusto una volta, per la curiosità di vedere come viene interpretata la nostra cucina in un paese straniero, però non è che starei a lamentarmi di quanto faccia schifo. Mi immagino un cinese in viaggio in Italia che mangia involtini primavera e riso alla cantonese in uno dei nostri miliardi di ristoranti cinesi tutti uguali o un giapponese che cerca i suoi sapori di casa in un ristorante giapponese, magari gestito da cinesi (bleah!).

Per non parlare delle persone che vanno all'estero solo per poter dire che la cucina italiana è la migliore del mondo e che nel paese di cui si è momentaneamente ospiti non sanno cucinare nemmeno un piatto di pasta come si deve o che fa tutto schifo. Io a queste persone dico solo: restate a casa vostra! Io adoro la cucina italiana, penso che non saprei mai resistere per settimane senza farmi una semplice pasta con il pomodoro, ma dalla mia bocca non è mai uscita la frase "la cucina italiana è la migliore del mondo". Forse le persone dimenticano una parola: DIVERSA. La cucina di un paese non deve necessariamente essere migliore o peggiore, il più delle volte può essere diversa dalla propria e non migliore o peggiore. Bo, magari per tanti è una cosa scontata ma poi mi capita di sentire o leggere cose che mi fanno rimanere allibita, di persone che proclamano la superiorità italiana pur rimanendo in paesi stranieri... bah! Non che io abbia viaggiato chissà quanto, ma non mi sono mai lamentata del cibo di un paese.

Parlando in particolare dell'Austria poi, non riesco davvero a vedere cosa avrebbero da invidiare ai nostri piatti tipici. In generale parlo della parte tirolese, che spesso mescolo anche alla parte tirolese italiana, ma tanto i tirolesi italiani si sentono austriaci, quindi per me lassù si può considerare tutta Austria! Comunque la loro cucina è si diversa da quella a cui sono abituata a casa mia, sicuramente molto più pesante, ma ogni volta che sono stata da quelle parti posso assicurarvi che mi sono dimenticata della pasta con il pomodoro, delle olive ascolane e anche dei vincisgrassi che fa mia nonna. E alla fine, tutto questo discorso era per dire che mi dispiace davvero per quelle persone che sono talmente chiuse di mente che non riescono a rilassarsi e a immergersi nella cultura del posto in cui si trovano. Vabbè, da una parte è meglio, più canederli per me =)

Comunque, prosegue il mio viaggio nella cucina classica austriaca, la ricetta di oggi è facile facile, sempre presa dal libro Classic Austrian Cooking, libro che potrebbe essere la versione austriaca del libro di Julia Child. Quindi se volete scoprire questa cucina così poco conosciuta in Italia nonstante la vicinanza (perché diciamocelo, gli austriaci non è che in generale godano molto del nostro interesse), continuate a seguirmi perché questi nostri vicini secondo me hanno qualcosa da insegnarci!

KÄSE TIMBALEN (timballi di formaggio)

INGREDIENTI (per 8 stampini monodose da 140 ml o uno grande da 1 litro)
250 ml di panna
3 uova
80 g di formaggio grattugiato
sale

Portare a bollore la palla e poi toglierla dal fuoco. Mettere nella panna le uova, mischiare, aggiungere il sale e il formaggio. Riempire lo stampo imburrato e cuocere in forno a bagnomaria (basta mettere lo stampo in una teglia e riempirla per metä con l'acqua) a 220°C per 30-40 minuti. Sfornare e mangiare. Buon appetito!

6 commenti:

Loredana ha detto...

Sai che questa ricetta mi sembra molto interessante? Anzi mi fa venire in mente un bel pò di variazioni, grazie a te che diffondi la cucina austriaca!!

Fra Pinki ha detto...

La prima cosa che mi è venuta in mente è stata di aggiungere dei pezzetti di speck! Però è vero, si possono fare un sacco di variazioni!
Grazie della visita!

Sabrina Fattorini ha detto...

Ciao Molto carino il tuo blog!!!!
Passa da me a ritirare un premio!!!!

Ricercadiricette.it ha detto...

Salve!

Abbiamo visto che hai tantissime deliziose ricette nel blog! Vogliamo presentarti il sito http://www.ricercadiricette.it, dove gli utenti possono cercare tra oltre 150000 ricette che appartengono a siti web e blog in italiano. Abbiamo anche creato il Top blogs di ricette, dove puoi trovare tutti i blog che ci sono già aggiunti. Puoi anche aggiungere il tuo blog all’elenco! Noi indicizziamo le tue ricette e gli utenti le potranno trovare usando il nostro motore di ricerca. E non devi preoccuparti, tutto in Ricercadiricette.it è gratuito!

Ricercadiricette.it ha diversi siti fratelli in Svezia, Spagna, Francia, Stati Uniti e in tanti altri paesi. Vuoi diventare un membro di questa grande famiglia?

Restiamo a tua disposizione!

Ricercadiricette.it

Gata da Plar - Mony ha detto...

Sottoscrivo IN PIENO tutto quello che hai scritto!!!
E pure a me piace assaggiare i piatti di altri Paesi (tranne purtroppo quelli che contengono paperoni o paprika, che sono intollerante al 1000x1000) :)))

A questo proposito, visto che ti piace riproporre ricette straniere, perchè non provi a partecipare alla raccolta itinerante che sta girando tutta l'Europa?
Dai un'occhiata qui e gioca con noi ^^

PS: io purtroppo ho perso le ultime tappe, ma spero di rifarmi presto con quelle rimaste ^^

ABBECEDARIO CULINARIO DELLA COMUNITA' EUROPEA

Attualmente siamo arrivati alla SLOVENIA!
Puoi proporre un piatto tipico di questo paese, cucinandolo, postandolo e condividendo il link al tuo post nel blog ospitante il Paese di turno.
Qui il Calendario (per la Slovenia fino al 27 ottobre)

http://abcincucina.blogspot.com.es/2012/12/benvenuti-in-europa.html

Dai provaci!!!! Più siamo e meglio è! ^^
Un abbraccissimo!

Fra Pinki ha detto...

Beellissima iniziativa, vado subito a dare un'occhiata!!